Milano, 11 maggio 2017, dalle ore 10 alle ore 12 il prof. Massimo Castoldi terrà una lezione Voci del dissenso. Educare alla libertà nell’Italia fascista all’Istituto Omnicomprensivo Musicale Statale di Milano (via F. Corridoni n. 34/36) presso il Conservatorio, sul tema dell’insegnamento antifascista durante il Ventennio, con uno sguardo particolare alla scuola primaria e alla letteratura per l’infanzia.

La lezione

A partire dal «romanzo di formazione fascista» per ragazzi, che presentava tutti i topoi della mitologia mussoliniana, ma soprattutto insisteva sulla contiguità tra celebrazione della Grande Guerra e affermazione della dittatura, indagherà la progressiva elargizione di miti razzisti, xenofobi e antisemiti, imposti dalle direttive del Convegno nazionale per la letteratura infantile e giovanile tenutosi a Bologna nel 1938.

In questo contesto, piuttosto uniforme, individuerà per contrasto scrittori, che seppero mantenersi al di qua della propaganda ufficiale, cercando di affermare una propria autonomia, a volte disegnando personaggi anacronistici, a volte suggerendo modelli educativi divergenti da quelli imposti dalla cultura dominante.

Il discorso proseguirà con un’indagine sulle modalità con le quali alcuni maestri elementari cercavano di rappresentare anche ai bambini una diversa visione del mondo, ispirata ai principi di libertà e solidarietà.

La lezione inaugura una collaborazione tra Istituto e Fondazione Memoria della Deportazione, che proseguirà nel mese di luglio con uno stage di alternanza scuola-lavoro presso la sede di via Dogana 3.