Milano 1919-1948. Luoghi della storia e della memoria

Il laboratorio permanente Milano 1919-1948. Luoghi della storia e della memoria nasce da un progetto della prof. Giovanna Massariello, che ebbe una lunga gestazione, segnata dalla raccolta di molti materiali e dal confronto tra vari studiosi sulle modalità per procedere, tenendo conto del complesso mosaico costitutivo della memoria storica nella città di Milano. Nel solco segnato dalla prof. Massariello, il prof. Massimo Castoldi ha portato avanti l’iniziativa innanzitutto con una serie di seminari pubblici col patrocinio del Comune di Milano tra giugno 2013 e febbraio 2014, tenutosi nella Sala convegni della Fondazione Memoria della Deportazione.

  • 27 giugno 2013. Le fabbriche e la Resistenza (Roberto Cenati), Il caso della Loggia dei Mercanti di Milano (Massimo Castoldi).

  • 9 ottobre 2013. I luoghi della memoria ebraica a Milano (Francesca Costantini).

  • 18 dicembre 2013. Analisi e dislocazione dei servizi di polizia e d’informazione tedesca a Milano (Roberta Cairoli) – Il palazzo dell’aeronautica (Guido Lorenzetti)

  • 21 febbraio 2014. Il silenzio, la memoria, le voci, i documenti. I nove ragazzi del Campo Giuriati (14 gennaio 1945) (Massimo Castoldi, Bianca Pastori).

Dagli incontri ha preso vita un laboratorio sui luoghi della storia e della memoria a Milano tra 1919 e 1948, che ha continuato nel tempo a riunirsi con lo scopo della realizzazione di un sito e di una pubblicazione cartacea sull’argomento.

Nel frattempo il prof. Castoldi si è dedicato in particolare alla ricostruzione della vicenda del Comitato Onoranze Caduti per la Libertà, presieduto da Antonio Greppi, sindaco della Liberazione, che fu attivo a Milano tra il 1945 e il 1956 per conservare la memoria dei Caduti milanesi, per assisterne i familiari e per coordinare le celebrazioni della Resistenza.

Ne è nata la pubblicazione del volume Marcella Chiorri Principato, Storia di un comitato. Il Comitato Onoranze Caduti per la Libertà. Milano 1945-1956, a cura di Massimo Castoldi, Milano, Franco Angeli, 2014, che commenta l’inedito scritto che Marcella Chiorri Principato, segretaria del Comitato, compilò su incarico di Antonio Greppi.

L’incontro col Politecnico di Milano ha consentito la realizzazione di alcuni percorsi guidati sui Luoghi della memoria a partire da quello del 13 giugno 2014, guidato dal prof. Castoldi e collegato al progetto Villard: 15 un programma itinerante che ha coinvolto tredici università italiane ed estere (Università Sassari/Alghero; Politecnico Marche/Ancona; Università Camerino /Ascoli Piceno; Università Ljubljana; Politecnico Milano; Università Napoli; Università Palermo; Università Paris Malaquais; Università Patras; Università Chieti/Pescara; Università Mediterranea/Reggio Calabria; Università Roma 3; Università Iuav Venezia; Ordine degli Architetti di Trapani).

Luoghi memoria manifesto 5

Il 14 aprile 2015 è divenuto attivo il sito MI4345. Topografia della Memoria, realizzato dalla Fondazione Memoria della Deportazione e dal Politecnico di Milano. Hanno collaborato e patrocinato l’iniziativa Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano, Anpi Provinciale di Milano, Fiap Federazione Italiana Associazioni Partigiane, Associazione Archivio del lavoro e Cdec.

Vai al sito

Gennaio 2017. Nelle librerie il primo volume della collana Topografia della Memoria 1919-1948

Col mese di gennaio 2017, la Fondazione Memoria della Deportazione inaugura la nuova collana Topografia della memoria 1919-1948, diretta da Massimo Castoldi per l’editore Mimesis, sui Luoghi della memoria storica della città di Milano. Il primo volume, realizzato in collaborazione col CDEC, sarà redatto da Francesca Costantini, con una premessa di Liliana Picciotto ed è dedicato a I luoghi della memoria ebraica di Milano, per la prima volta descritti e presentati in un’unica pubblicazione.

leggi tutto

A Magenta Massimo Castoldi ricorda i socialisti Carlo Fontana e Brenno Cavallari

A Magenta, mercoledì 23 novembre 2016 nella sala Consiliare di via Fornaroli 30 alle ore 21,
sarà presentato il libro di Natalia Tunesi e Carlo Morani, Carlo Fontana pioniere del socialismo maestro antifascista primo sindaco di Magenta nell’Italia repubblicana, Magenta, Ed. “La Memoria del Mondo”, 2016. Il prof. Massimo Castoldi, ricorderà con gli autori Carlo Fontana, primo sindaco di Magenta nell’Italia democratica, e Brenno Cavallari, attivo antifascista, perseguitato dal regime e fucilato presso il campo di Fossoli nel poligono di tiro del Cibeno con altri sessantasei prigionieri politici il 12 luglio 1944.

leggi tutto

Progetto didattico tra Fondazione e Casa della Conferenza di Wannsee

Nei giorni 15-16-17 marzo il prof. Massimo Castoldi guiderà un gruppo di studenti, accompagnati dalla prof. Daniela Di Vaio e dalla prof. Stefania Imbriani, a Berlino tra le tracce della Memoria del XX secolo in città. Vi sarà anche un’intera giornata seminariale presso la Casa della Conferenza di Wannsee sul tema Nazismo e Fascismo allo specchio. L’iniziativa sarà seguita da laboratori anche a Milano, sui luoghi della memoria e sulla storia della città negli anni del fascismo e della prima ricostruzione.

leggi tutto

Memoria di guerra, Resistenza, deportazioni

Cernusco sul Naviglio (MI), martedì 9 febbraio 2016, ore 10-12, presso l’auditorium “Paolo Maggioni” della scuola media statale “Aldo Moro”, via Don Lorenzo Milani 6, il prof. Massimo Castoldi, direttore della Fondazione Memoria della Deportazione, incontrerà gli studenti delle classi terze, insieme col sig. Antonio Bollani, testimone della Milano degli anni Quaranta del Novecento, per una riflessione sui luoghi della memoria storica della guerra, della Resistenza e delle deportazioni dalla città di Milano.

leggi tutto

Luoghi della memoria di Milano

Milano, 27 gennaio 2016, alle ore 11 sala Conferenze di Palazzo Reale a Milano (Piazza Duomo 14), il prof. Massimo Castoldi, direttore della Fondazione Memoria della Deportazione, coordinerà un incontro con gli studenti delle scuole della provincia di Milano sul tema Luoghi della memoria di Milano.

leggi tutto

MI4345 – Topografia della Memoria è un progetto di mappatura e comunicazione dei luoghi della memoria storica della città di Milano. Racconta le vicende che furono presupposto, conseguenza e che segnarono la Resistenza, le deportazioni nei campi di sterminio e di internamento in Europa e la Liberazione.

Attraverso una mappa georeferenziata e interattiva accessibile da computer, tablet e smartphone, questo sito internet guida cittadini e visitatori alla scoperta del passato che edifici, strade e piazze portano con sé in modo quasi invisibile; alcune azioni temporanee sullo spazio pubblico, inoltre, collegano i contenuti multimediali alla realtà urbana.

Gli spazi della città e il paesaggio, che assorbono il corso della storia e ne restituiscono memoria nel tempo attraverso un insieme di tracce tangibili o intangibili, si rivelano nuovi testimoni delle eredità difficili. Costruire una relazione tra memorie, luoghi e vita quotidiana permette di avvicinare le persone alla storia, stimolandole ad una presa di coscienza del proprio passato.

MI4345 – Topografia della Memoria è un progetto parte del programma ufficiale delle celebrazioni del 70° anniversario della Resistenza e della Guerra di Liberazione a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di Missione per gli Anniversari di interesse nazionale ed è promosso dal Politecnico di Milano e dalla Fondazione Memoria della Deportazione, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Milano e la collaborazione di ANPI Provinciale di Milano, FIAP Federazione Italiana Associazioni Partigiane e Associazione Archivio del lavoro.


    • Documentario/filmato (trailer su Youtube)
    • Annuncio libro (per 8 settembre)
    • Libro comitato onoranze