Didattica

La Fondazione Memoria della Deportazione intende operare al fine di rendere attiva nei giovani la memoria dell’antifascismo, della Resistenza e della vicenda concentrazionaria, nella convinzione che tale memoria, sorretta dalla costruzione di un’adeguata coscienza storica, sia costitutiva della maturazione civile.

Riteniamo fondamentale a tale scopo l’indagine su tutte le anime dell’antifascismo, su tutte le forze che hanno contribuito alla Liberazione, nonché su tutte le cause che hanno generato il fenomeno della deportazione, diverse nelle dinamiche e nelle caratteristiche, ma identiche nella tragedia delle conseguenze.

Siamo così convinti di interpretare nel modo migliore gli intenti della legge n. 211 del Parlamento italiano del 20 luglio 2000 che invita a ricordare «la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati», ma anche esorta ad adoperarsi «affinché simili eventi non possano mai più accadere».

Legge 20 luglio 2000, n. 211

“Istituzione del “Giorno della Memoria” in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti”

(Gazzetta Ufficiale n. 177, 31 luglio 2000)

Art.1

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Art.2

In occasione del “Giorno della Memoria” di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere.

***

Con tale scopo operiamo, cercando un continuo confronto con i primi nostri interlocutori che sono gli insegnanti e gli studenti.

A tal fine il direttore Massimo Castoldi ha costituito una Commissione didattica interna, della quale possono essere membri tutti coloro che, per almeno due anni consecutivi, hanno collaborato a vario titolo, ma con esperienze dirette, alla didattica della Fondazione.


Ultimi eventi

Inaugurazione della mostra Le conferenze di Zimmerwald e Kiental e l’opposizione alla Grande guerra

Inaugurazione della mostra Le conferenze di Zimmerwald e Kiental e l’opposizione alla Grande guerra

Martedì 28 novembre 2017, ore 17.00, presso la sala conferenze della Fondazione Memoria della Deportazione (via Dogana 3 Milano, 2° piano) si inaugura la mostra “Le conferenze di Zimmerwald e Kiental e l’opposizione alla Grande Guerra”. L’evento è organizzato dalla Fondazione Memoria della Deportazione e dal Centro Filippo Buonarroti.

Per una didattica della deportazione. Sfide e modelli in Europa

Per una didattica della deportazione. Sfide e modelli in Europa

Il 25 ottobre 2017, ore 9.00-18.30 presso l’Aula Crociera Alta di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano si terrà il Convegno internazionale “Per una didattica della deportazione. Sfide e modelli in Europa” organizzato da Fondazione Memoria della Deportazione, Fondazione Fossoli, Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Milano, Rete Universitaria Giorno della Memoria.

Con la Fondazione da Bresso (MI) a Mauthausen

Con la Fondazione da Bresso (MI) a Mauthausen

Bresso (MI), 22 marzo 2017. Dal 22 al 24 marzo la vice-presidente della Fondazione Memoria della Deportazione Ionne Biffi guiderà due classi di terza media della Scuola media statale “Rosanna Benzi” di Bresso (MI), in un percorso attraverso il campo di concentramento di Mauthausen, il sottocampo di Gusen e il castello di Hartheim. L’esperienza, come è oggi ormai condizione imprescindibile, è stata preceduta da un incontro preparatorio con gli studenti, tenutosi nella scuola il 13 marzo.

A Bologna Assemblea legislativa: crescere nonostante le ferite della storia

A Bologna Assemblea legislativa: crescere nonostante le ferite della storia

A Bologna mercoledì 22 febbraio 2017 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 la Fondazione sarà presente come ente promotore e organizzatore all’incontro “Crescere nonostante le ferite della storia”, che si terrà presso la sede dell’assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, Sala Guido Fanti, Viale Aldo Moro 50, Bologna. Per la Fondazione Memoria della Deportazione interverrà Massimo Castoldi.

Topografia della memoria: Resistenza e deportazioni da Milano al Liceo “Giordano Bruno ” di Melzo

Topografia della memoria: Resistenza e deportazioni da Milano al Liceo “Giordano Bruno ” di Melzo

Sabato 11 febbraio 2017 al liceo “Giordano Bruno” di Melzo (Milano) il prof. Massimo Castoldi interverrà sul tema Resistenza e deportazioni da Milano e terrà due lezioni sui Luoghi della memoria di Milano a tutti gli studenti della scuola dalla 8.15 alle 10.15 e dalle 10.30 alle 12.20.

Al IP Enrico Falck di Cologno Monzese, Luoghi delle memoria di Milano

Al IP Enrico Falck di Cologno Monzese, Luoghi delle memoria di Milano

Lunedì 30 gennaio alle ore 8 e 30 all’Istituto Professionale “Enrico Falck” di Cologno Monzese il prof. Massimo Castoldi terrà una lezione sui Luoghi della memoria di Milano a tutti gli studenti della scuola in occasione del Giorno della Memoria 2017. Presenterà il frutto di alcuni anni di ricerche condotte su nuove fonti archivistiche, testimoniali e documentarie e una serie di interviste realizzate dalla Fondazione a scopo didattico.